In ricordo del Presidente Ubaldo Rancini

CIAO PRESIDENTE,

LA NOTIZIA DELLA SUA MORTE MI HA PROFONDAMENTE ADDOLORATO E QUESTA MATTINA HO AVUTO IL CORAGGIO DI GUARDARLA SOLO PER QUALCHE MOMENTO PERCHE’ PREFERISCO RICORDARLO COME CI SIAMO SALUTATI CIRCA UN MESE FA, QUANDO SONO VENUTO NELLA SUA CAMPAGNA TROVANDOLA IMPEGNATO AD ACCUDIRE I SUOI ANIMALETTI.

     ABBIAMO PARLATO DEI NOSTRI ACCIACCHI CONVENENDO CHE VISTA LA NOSTRA ETA’ DOPO TANTO LAVORARE LA SPERANZA RIMASTA ERA CHE LA FINE AVVENISSE SENZA TROPPE TRIBOLAZIONI. COME SPESSO ACCADEVA NEI NOSTRI INCONTRI, ABBIAMO RIPENSATO ALLE NUMEROSE BATTAGLIE AFFRONTATE E RISOLTE GRAZIE AL SUO INTUITO ED EQUILIBRIO PER IL BENE DELL’OLEIFICIO E DEI SOCI PRODUTTORI. ABBIAMO ANCHE RICORDATO IL SOSTEGNO RECIPROCO CHE CI SIAMO DATI PER GUARDARE OLTRE ALLE INNUMEREVOLI E GRAVOSE PREOCCUPAZIONI DERIVANTI DALLE RESPONSABILITA’ CHE IL RISPETTIVO RUOLO COMPORTAVA, RALLEGRANDOCI PER I SUCCESSI CONSEGUITI E PER QUANTO DI BUONO SIAMO RIUSCITI A COSTRUIRE CON IL NOSTRO TOTALE CONTINUO IMPEGNO E GRANDI SACRIFICI PERSONALI E, ANCHE, INCORAGGIANDOCI PER SUPERARE LE DELUSIONI E LE AMAREZZE, DI LAVORO O FAMILIARI, CHE CI HANNO ACCOMPAGNATO NEI CINQUANTA ANNI CHE ABBIAMO PERCORSO VICINI NELL’AVVENTURA DELLA VITA.

    COME VEDE PRESIDENTE ANCORA ADESSO,  NONOSTANTE I TANTI ANNI TRASCORSI FIANCO A FIANCO, PER IL PROFONDO RISPETTO NEI SUOI CONFRONTI, NON HO MAI SAPUTO RIVOLGERMI A LEI CON IL TU CONFIDENZIALE COME NOTAVANO IL CALCIDONIO, PAOLO E GIUSEPPE CHE COME ME HANNO INIZIATO DA MOLTO GIOVANI A LAVORARE AL SUO FIANCO E CHE OGGI, TUTTI VECCHI O QUASI, SIAMO A RICORDARLO E ACCOMPAGNARLO PER L’ULTIMA VOLTA INSIEME A PIETRO, MARCELLO, CLAUDIO, DAVIDE E GLI ALTRI CHE SOTTO LA SUA GUIDA HANNO LAVORATO NELLA COOPERATIVA.

    OGGI PRESIDENTE, INSIEME A TUTTI COLORO CHE SONO QUI A RENDERLE OMAGGIO AVENDOLO CONOSCIUTO, STIMATO E APPREZZATO, POSSO  SOLO UNIRMI AL DOLORE DELLA SUA FAMIGLIA, DI SUA MOGLIE, DEI SUOI FIGLI E DEGLI ALTRI PARENTI AI QUALI DICO DI ESSERE ORGOGLIOSI DELL’UOMO UBALDO CHE AMAVA DIRE DI ESSERE UN CONTADINO, PERCHE’ E’ STATO UNA PERSONA SAGGIA, TENACE, LUNGIMIRANTE E CERTAMENTE MOLTO PIU’ SENSIBILE E APERTO AGLI ALTRI DI QUANTO AL PRIMO IMPATTO LASCIAVA TRASPARIRE LA SUA RUVIDA CORAZZA.

    RINGRAZIO DIO PER AVERLA INCONTRATA NELLA MIA STRADA E GODUTO DELLA SUA AMICIZIA PATERNA, SONO CERTO CHE CI RITROVEREMO PER CONTINUARE A DISCUTERE, QUINDI CON STIMA E AFFETTO LA SALUTO. CIAO PRESIDENTE, RIPOSI IN PACE.

NAZZARENO  VALENTIC  , 30 aprile 2016

Presidente Ubaldo Rancini

Bollettino fitosanitario n. 1 dal 1 marzo al 31 marzo 2016

PROGRAMMA SOSTEGNO SETTORE OLIO D’OLIVA ART.29
REG.(UE) 1308/2013 MISURA 2C
MIGLIORAMENTO DELL’IMPATTO AMBIENTALE DELL’OLIVICOLTURA
CONTROLLI PER LA LOTTA INTEGRATA AI PARASSITI DELL’OLIVO
Programma finanziato con il contributo della Unione Europea e dell’Italia
Regg.(UE) 611-615/2014
Annualità 2015/2016

BOLLETTINO N. 1 VALIDO DAL 01/03/2016 – 31/03/2016
Pratiche Colturali: concimazioni dell’oliveto: coloro che hanno già fornito il concime fosfatico nel
mese di ottobre-novembre dovranno apportare in questa fase solamente fertilizzanti azotati a lenta
cessione tipo l’urea o altri similari. Gli olivicoltori che non hanno eseguito tale apporto di elemento
nutritivo potranno ricorrere a concimi complessi binari che apportano contemporaneamente il
fosforo e l’azoto a lenta cessione come ad esempio il fosfato biammonico o similari. In assenza di
inerbimento il concime potrà essere interrato per non oltre 15 cm di profondità per non danneggiare
gli apparati radicali superficiali dell’olivo. Gli oliveti dotati di copertura vegetale potranno
somministrare gli elementi nutritivi direttamente sulla cotica erbosa senza interrarli. Si ricorda che
per una buona ripresa vegetativa e il rinfoltimento delle chiome degli alberi è indispensabile una
buona irradiazione della luce in tutti i settori della chioma. Rimane indispensabile quindi adeguati
interventi di potatura.
Occhio di pavone o Cicloconio: le condizioni climatiche stanno diventando favorevoli all’attacco
dell’occhio di pavone. Si consiglia pertanto di effettuare un trattamento con prodotti rameici (verso
la metà di marzo) che oltre a proteggere le foglie sane faranno cadere a terra quelle malate prima
che il patogeno possa diffondersi.

Date ed orari dei corsi di potatura

I° Corso:

  • sabato 13 febbraio dalle 15 alle 18 lezione di teoria presso l’Oleificio
  • domenica 14 febbraio dalle 9 alle 12 lezione di teoria presso l’Oleificio
  • domenica 14 febbraio dalle 14 alle 17 lezione pratica sul campo
  • lunedì 15 febbraio dalle 14 alle 17 lezione pratica sul campo
  • martedì 16 febbraio dalle 14 alle 17 lezione pratica sul campo
  • venerdì 19 febbraio dalle 14 alle 17 lezione pratica sul campo

II° Corso:

  • domenica 28 febbraio dalle 15 alle 18 lezione di teoria presso l’Oleificio
  • lunedì 29 febbrario dalle 9 alle 12 lezione di teoria presso l’Oleificio
  • lunedi 29 febbraio dalle 14,30 alle 17,30 lezione pratica sul campo
  • martedì 1 marzo dalle 14,30 alle 17,30 lezione pratica sul campo
  • mercoledì 2 marzo dalle 14,30 alle 17,30 lezione pratica sul campo
  • venerdì 4 marzo dalle 14,30 alle 17,30 lezione pratica sul campo

III° Corso:

  • lunedì 7 marzo dalle 15 alle 18 lezione di teoria presso l’Oleificio
  • martedì 8 marzo dalle 9 alle 12 lezione di teoria presso l’Oleificio
  • martedì 8 marzo dalle 14,30 alle 17,30 lezione pratica sul campo
  • mercoledì 9 marzo dalle 14,30 alle 17,30 lezione pratica sul campo
  • giovedì 10 marzo dalle 14,30 alle 17,30 lezione pratica sul campo
  • venerdì 11 marzo dalle 14,30 alle 17,30 lezione pratica sul campo

Avviso conferimento acconti

Comunicazione ai soci della Cooperativa:

Si comunica che da Lunedì 11 Gennaio 2016 fino a Lunedì 18 Gennaio 2016 gli uffici saranno a disposizione dei soci che desiderano ritirare gli ACCONTI delle olive conferite.
Si ricorda di affrettarsi al ritiro dell’olio su proprio conto.
L’importo dell’acconto sarà di € 5,00 per Kg di olio extravergine prodotto, meno € 1,00 per kg di olio per acconto costi di molitura.

Corso di potatura dell’olivo

Comunicazione ai soci della Cooperativa:

Nell’ambito del programma triennale di sostegno per il settore dell’olio di oliva di cui al Reg. UE 1308/2013 sarà attivato a cura dell’oleificio sociale di Canino un corso di formazione dedicato alla potatura dell’olivo comprendente sia lezioni aula che sessioni dimostrative in campo. Il corso è aperto alla partecipazione dei soci produttori o loro coadiutori familiari nell’impresa agricola e si terrà presumibilmente nei mesi di febbraio/marzo 2016 in date da definirsi anche in funzione del numero dei partecipanti.

Il programma comunitario prevede che il corso di potatura, attivato in questa prima annualità sia replicato anche nelle annualità successive. Gli eventuali interessati potranno recarsi presso gli uffici dell’oleificio sociale per acquisire maggiori informazioni in merito e formalizzare eventualmente la loro adesione.Le adesioni al corso per l’annualità 2016 saranno raccolte entro il termine del 15 gennaio pv.

Si fa presente che al fine di ottimizzare le attività didattiche e dimostrative qualora le richieste di adesione risultassero eccessive verranno adottati criteri di selezione per contenere la frequenza entro un numero utile di partecipanti.

La lotta integrata per il controllo dei parassiti dell’olivo

Nel periodo che va dai primi giorni di febbraio fino al termine della raccolta delle olive i Tecnici dell’Oleificio sono a disposizione dei Soci per consulenze agronomiche e per il controllo dei parassiti dell’olivo. L’orario di apertura del laboratorio e’ il seguente:

da lunedi’ a venerdi’: 8,00-13,00 15,00-18,00
sabato e domenica: chiuso.

Tel. 0761-437089

Mosca olearia (Bractocera oleae): dall’inizio del mese di luglio i tecnici dell’Oleificio eseguono un monitoraggio settimanale su alcuni oliveti per valutare l’andamento dell’infestazione di mosca olearia su tutto il territorio. Presso il laboratorio dell’Oleificio vengono analizzati i campioni di olive consegnati dai soci al fine di rilevare l’infestazione attiva (ossia la percentuale di drupe che presentano all’interno uova e larve vive) e lo stadio di sviluppo delle larve. L’eventuale trattamento insetticida, di tipo curativo, viene consigliato solo nei casi in cui l’infestazione causerebbe danni economici superiori ai costi dell’intervento. I campioni di olive vanno analizzati ogni 7-10 giorni e sono composti da n. 100 olive che vanno prelevate su 10 piante in ciascun oliveto (10 olive per pianta prese a caso), in caso di piu’ varieta’ di olivo sullo stesso oliveto va prelevato un campione per ciascuna varieta’

Tignola dell’olivo (Prays oleae): da studi effettuati sull’incidenza economica dell’infestazione da tignola si e’ rilevato che nel nostro territorio solo molto raramente la tignola causa danni economici rilevanti, pertanto si consiglia di evitare trattamenti insetticidi. Soltanto la varieta’ frangivento e’ particolarmente suscettibile all’attacco di tignola. Per verificare l’incidenza dell’attacco di tignola dall’inizio del mese di luglio si possono prelevare campioni di olive (n. 100 olive con picciolo) da far analizzare presso il laboratorio.

Cocciniglia mezzo grano di pepe (Saissetia oleae): la cocciniglia non causa di norma gravi danni perche’ e’ controllata dall’azione dei parassiti e degli agenti atmosferici si consiglia pertanto di limitare gli interventi insetticidi soltanto in casi di elevatissima infestazione intervenendo all’inizio di agosto, dopo la schiusura delle uova. Dall’inizio di luglio si possono portare ad analizzare le foglie di olivo con la cocciniglia presso il laboratorio per vedere se e’ avvenuta la chiusura delle uova e per valutare se e’ necessario effettuare il trattamento insetticida.

Occhio di pavone (Cycloconium oleaginum): questo fungo causa danni soprattutto nelle zone umide e sulle varieta’ piu’ suscettibili si consiglia pertanto di effettuare un trattamento ai primi di marzo e un secondo trattamento a settembre con prodotti rameici.

Inizio controlli per la lotta integrata ai parassiti dell’olivo

Ad inizio luglio, come consuetudine, presso l’Oleificio Sociale inizieranno i controlli per la lotta integrata alla tignola e alla mosca dell’olivo.
Si ricorda ai signori soci l’obbligo di partecipare al programma di lotta guidata ai parassiti dell’olivo portando al laboratorio i campioni di olive da analizzare, al fine di ottenere, al momento della raccolta, olive sane e prive di residui di fitofarmaci.

«678